lunedì 2 settembre 2013

barrette crudiste !!

E' il mio primo esperimento..di cucina con l'essiccatore!!
L'idea me l'ha data l'amica Linda e in rete si trovano molte versioni, questa è la mia legata sopratutto agli ingredienti che avevo in casa e..ai gusti ^_^
L'aspetto non è molto invitante, ma il sapore è ottimo sono energetiche, ma a basso impatto glicemico, non contengono zucchero, ma tantissime vitamine e sali minerali
Sono anche facilissime da preparare, cosa chiedere di meglio?

Ingredienti:

1 fico maturo
1 mela media
1 bicchiere di fiocchi di cereali misti
10 prugne secche
10 mandorle
10 nocciole
2 C rasi di semi di lino
1 C raso di semi di sesamo
 All'opera....
Bisogna impostare la lavorazione qualche ora prima, meglio ancora, la sera prima mettendo a bagno alcuni ingredienti
In un bicchiere ho messo a bagno i semi di lino coperti d'acqua ( ci devono restare 4/5 ore meglio se tutta la notte)
In un altro bicchiere ho messo a bagno le mandorle,le nocciole e le prugne sempre coperte d'acqua per un paio d'ore
Ho versato nel macinino ( il mio è vecchio ed è poco capiente , perciò ho impiegato un po di tempo ^_^) i fiocchi di cereali e ho azionato fino a polverizzarli poi li ho versati in una ciotola
Poi sono passata alle mandorle e nocciole, una volta scolate , le ho tritate bene ed aggiunte nella ciotola
Via, via ho aggiunto, sempre ridotto in purea, il fico (sbucciato) , la mela ( non sbucciata), le prugne snocciolate, i semi di sesamo e per ultimi i semi di lino ( con una parte del..gel che li ricopriva!!)
Il mio " macinino" è ..poco efficace perciò sono rimasti dei pezzi , ma li ho amalgamati bene, bene e come primo esperimento..ho lasciato correre!
Su dei pezzi di carta da forno ho spalmato il mio composto cercando di creare delle barrette..poco barrette ^_^
Ho sistemato tutto nell'essiccatore e ho fatto partire per un paio d'ore, però controllando mi sono accorta che non erano ancora essiccate bene perciò ho tolto la carta da forno e le ho lasciate asciugare per altre 2 ore
Il mio essiccatore è un modello base, solo 5 ripiani e solo 2 temperature, ma ha svolto benissimo il suo
lavoro

ecco qui le mie barrette pronte!!
Croccanti, nutrienti e genuine

8 commenti:

franca rita ha detto...

A parte le barrette che sono di certo buone, visto gli ingredienti, a che altro può servire un essiccatoio?

Luisa Maccagnan ha detto...

Dunque non so bene da che parte iniziare ^_^
Ho essiccato le erbe aromatiche per le tisane e per il mio sale alle erbe, gli odori dell'orto , tutti gli scarti delle verdure per il mio dado granulato,le mele!! le mele raccolte in trentino..mi ricordano l'infanzia!! poi ho essiccato tutti i baccelli dei piselli e li ho polverizzati...ho iniziato a sperimentare facili ricette, lo desideravo da tantissimo e adesso mi sfogo ^_^, grazie della visita, luisa

Claudia ha detto...

Ciao! Un'idea: si potrà anziché mettere a bagno i semi di lino mescolarli alla polpa di frutta? Per non aggiungere altra acqua che poi va essicata.
Se il fico è maturo è buona anche la buccia.

Claudia ha detto...

p.s. io ho essiccato (senza essiccatore) le foglie di zucchina e di amaranto. Buone!

Luisa Maccagnan ha detto...

i semi di lino lasciati a bagno formano una gelatina che aiuta a compattare il composto, certo rimane più liquido da eliminare.., ma nemmeno tanto perchè in parte viene assorbito dagli altri semi
Sai che forse mi sta crescendo l'amaranto !! temo che sia troppo tardi..ma se il tempo tiene magari riesco ad assaggiarlo
Le foglie essiccate poi le aggiungi alle minestre?

Claudia ha detto...

Sì, ho visto che le foglie essiccate si conservano bene e restano buone, forse meglio rispetto a quelle che ho conservato in barattolo, inoltre ci sono meno rischi che vadano a male e non dipendono dal freezer.
Occupano poco spazio. Quando sono secche le sbriciolo e le metto in un barattolo. Le coste non si sbriciolano, così le ho usate subito.
Una piccola quantità di foglie sbriciolate fa un'ottima minestra.
Il mio amaranto è ancora bello, quello seminato in primavera sta fiorendo quello seminato in estate è più basso ma ha prodotto ugualmente.

Luisa Maccagnan ha detto...


L'anno prossimo anch'io!! purtroppo per quest'anno nulla le piantine( sembravano fili d'erba) sono morte tutte nei giorni scorsi durante la burrasca, pazienza!!
Però ho contagiato anche dei vicini d'orto di mauro ..almeno li ho molto incuriositi!! l'anno prossimo vogliono provare anche loro!!
Un mare di amaranto!!

Claudia ha detto...

Sììì! Viva l'amaranto! Mi raccomando, non seminatelo fitto. Nasce sempre troppo fitto.