martedì 3 giugno 2014

vi presento le mie paste madri...

Eccole qui le mie meraviglie ^_^


Da vera megalomane come potevo chiamarle? se non luisa...e luisa la vendetta!!
Sono entrambe liquide (licoli), ma molto diverse sia come resa che come consistenza

Partiamo dalla  prima :

Ha circa 4 anni è di colore bianco/latte opaco, la consistenza è tipo yogurt/crema  è nata da farina 0, mela ed acqua tiepida il tutto frullato assieme, il primo giorno ho lasciato il contenitore aperto e nella settimana successiva l'ho rinfrescata tutti i giorni aggiungendo solo farina ed acqua, in seguito, circa 1 volta al mese, ho aggiunto anche 1 c di malto..di riso o di un altro cereale che avevo a disposizione
Ho cominciato a panificare dopo circa 15 gg, ma all'inizio il pane aveva un leggero retrogusto acido che pian piano è passato completamente

La rinfresco così:
Tiro fuori il contenitore dal frigo e lo lascio a temperatura ambiente x circa un paio d'ore, frullo la pasta madre nel suo contenitore con il frullatore ad immersione, aggiungo 1 tazzina di farina 0 (ogni tanto lo vizio con la Manitoba ^_^) 1 tazzina di acqua tiepida ( anche temperatura ambiente) frullo bene il tutto per qualche minuto
Dopo poco la pasta madre comincia a lievitare, appena si...sgonfia chiudo il contenitore e lo rimetto in frigo
Per la fretta e il poco tempo mi è capitato di non aspettare e dopo il rinfresco chiudere il vasetto e ficcarlo in frigo...e di ritrovarmi, il giorno dopo, la pasta madre che tranquillamente pascolava per il ripiano :(
Questa pasta madre è molto attiva lievita bene in circa 3 ore, ma il meglio lo da dopo 4/5 ore
Ci preparo da anni il pane, le focacce e anche qualche dolcetto , a parte i primi esperimenti non lascia nessun retrogusto acido nel pane e lievita bene anche farine pesanti come quella integrale o miste a cereali

La seconda.

Ha solo 10 gg!! E' di colore giallino chiaro/opaco, la consistenza è viva..come un impasto morbido non si attacca alle pareti del contenitore, è nata..dopo aver letto un libro " kitchen confidential" dove si narra di questa "bestia" affamata che regala il più buon pane d'America!!
Potevo non prepararla?
E' nata da farina Manitoba, uvetta bio, malto di riso (ma solo perchè avevo quello a disposizione) ed acqua a tempera ambiente ( a dirla tutta..piovana, ma io sono matta ^^), tutti gli ingredienti , l'uvetta va solo ammollata x 1 ora, li ho frullati molto bene...semini compresi , ho lasciato il composto...marroncino... all'aria tutta la notte e già il giorno dopo aveva la superficie piena di bollicine
Dopo solo 3 giorni di rinfreschi ho panificato..e con farina di segale che è bella pesante!!


il risultato parla da solo ^_^
Dopo 5 giorni l'ho messa alla prova con la focaccia


e al compimento dei 10 giorni ci siamo regalate la torta!!




Ma anche il sapore  di questa pasta madre è particolarmente "saporito" e per essendo giovane non lascia retrogusto acido nel pane..e sopratutto nelle torte!!
I primi 5 giorni l'ho rinfrescata giornalmente con farina Manitoba ed acqua tiepida, il decimo giorno le ho regalato 1 prugna secca..snocciolata!!
La routine per il rinfresco è uguale all'altra pasta madre...facendo molto più attenzione che si sia sgonfiata prima di rimetterla in frigo!!



2 commenti:

Claudia ha detto...

Esagerata... due paste madri!
E pure liquide, che sono così difficili da gestire.
Io non riesco a star dietro a una sola e pure solida!

Lo dico sempre che sei troppo brava.

Luisa Maccagnan ha detto...

CIAO CLAUDIA..sono riemersa ^_^
con calma risponderò a.. tutto!!
le paste madri liquide per me sono più comode da mantenere vanno rinfrescate con meno frequenza, ma l'ultima volta ho esagerato con la faina adesso ..posso scegliere liquida e semisolida ^_^, un abbraccio luisa